informazioni pratiche per visitare il museo del Louvre:

 

come si arriva al museo del Louvre...

Il museo del Louvre ha diverse entrate:

Louvre Mappa
Louvre Mappa Accessi

 

  • la piramide di vetro.
    Louvre Piramide
    Inaugurata nel 1988 è considerata l' entrata principale.
    Arrivi nell' ampia piazza da tutte le direzioni: da rue de Rivoli, dai giardini des Tuileries, dal lungoSenna.
    Qui trovi 4 code diverse: una per chi non ha un biglietto, una per chi ha già un biglietto o possiede un Paris Museum Pass, e le altre due per titolari di carte prioritarie o portatori di handicap.
    Una volta dentro la piramide si scende attraverso una scala elicoidale verso la hall Napoleon, l' ingresso del museo.


  •   la galerie Carrousel du Louvre.
    Louvre Carrousel Du LouvreLouvre CarrouselLouvre Ala Carrousel Piramide
    Inaugurata nel 1993 è una galleria commerciale sottosuolo molto utile per diversi aspetti.
    Vi si accede a piedi da rue de Rivoli, al civico 99.
    Inoltre è collegata direttamente con la fermata Palais Royal-Musèe du Louvre della linea 1 della Metropolitana (dovrai seguire l' uscita sortie (7) Carrousel du Louvre) Senza bagnarti o prendere freddo. A mio parere questa è l' entrata più pratica e veloce.

    La galleria ospita diversi negozi (in passato anche un Apple Store, ora trasferito in zona Opera) e anche una toilette superfiga e supercara (1.5€) pointwc.com.
    In più ad un piano rialzato trovi l' area restaurant du monde che ospita 12 ritoranti e fast food con diversi tipi di cucina e anche un cafè Segafredo (ma non buono come in Italia).
    Orario lu-do 8.30-23.00. carrouseldulouvre.com

    In fondo alla galleria trovi la piramide inversee, una versione ridotta e ribaltata della piramide in vetro e di fianco la seconda entrata al museo.
    Z Louvre Parigi 20

    Qui le code sono separate tra chi non possiede il biglietto e chi lo ha già acquistato online o ha un Paris Museum Pass, ma di norma sono ridotte rispetto a quelle dell' entrata piramide e in più si è al riparo da pioggia e freddo.
    Louvre Carrousel


  • il passage Richelieu. E' l' entrata riservata ai gruppi prenotati (minimo 7 persone, con o senza guida), o a chi possiede la carta musei, che si rivela utilissima perchè consente di non fare la fila.

  • porta dei Leoni. Si trova sull' ala che costeggia al Senna, è aperta solo in alcune date, da verificare telefonicamente.

 

In tutti i casi dovrai fare una prima coda per passare il metal detector e controllo borse.

Informazioni e mappe: sotto la piramide di vetro trovi un bancone rotondo con a disposizione gratuitamente la brochure con la mappa del museo. la trovi anche in italiano. anche il personale parla la nostra lingua.

Audioguide: per Nintendo 3DS XL, anche in italiano. louvre.fr/audioguides

App per smartphone iOS e Android: La mia visita al Louvre

Servizi disponibili
: guardaroba, deposito bagagli, prestito passeggino e marsupio porta neonato.

Limitazioni: le classiche dei musei, inoltre non si possono fare foto con il flash, e nessuna foto o video nelle mostre temporanee. Non è possibile accedere alle sale con bagagli o sacchi/zaini ingombranti. Leggi le disposizioni di sicurezza.

Sito ufficiale: www.louvre.fr

 

 

pic pointerticket e biglietteria...

Il ticket ovvero il biglietto di ingresso al Louvre vale per tutta la giornata, puoi uscire e rientrare da una delle ali o dal museo stesso tutte le volte che vuoi.

Si acquista presso gli sportelli in contanti o carta di credito, o presso le biglietterie automatiche, ma solo con carta di credito.
Tutti e due si trovano sia sotto la piramide grande, sia nei pressi della piramide inversee della galleria carrousel du Louvre (qui di solito la coda è minore).

Acquisto anticipato dei biglietto saltafila:
- sul sito ufficiale ticketlouvre.fr Info louvre.fr/billetterie
- in pacchetto ticket di entrata + audioguida
- presso i punti di informazione turistica

L' entrata è gratuita: per tutti la prima domenica del mese (tranne aprile-settembre), il 14 luglio, tutti i giorni per i minori di 18 anni, tutti i giorni per i minori di 25 anni se europei (quindi anche italiani), alcuni insegnanti, portatori di handicap con accompagnatore, disoccupati. Leggi i dettagli.

Attenzione
: i minori di 18 anni passano mostrando direttamente il documento all' addetto ai tornelli delle varie ale, mentre i minori di 25 anni devono necessariamente ritirare il ticket gratuito (facendo la fila) agli sportelli.

 

 

Pic Pointerstoria del palazzo del Louvre...

Quello che oggi è il palazzo del Louvre è frutto di 800 anni circa di ampliamenti, trasformazioni, e aggiunte.

Louvre PalazzoIn origine, intorno al 1200, fu una fortezza di difesa commissionata da Filippo II re di Francia a supporto delle mura difensive della città fatte realizzare in quei tempi.
Si tratta della parte più ad est (a destra sulla mappa).
Le fondamenta sono visibili nei sotterranei dell' ala Sully, al livello -1.

Successivamente, a metà del '300, Carlo V fece costruire un nuro difensivo intorno, ampliò l' edifico e ne fece la residenza reale.

Da metà '500 iniziarono, sotto vari sovrani, gli ampliamenti con la realizzazione dei due edifici lungo l' attuale rue de Rivoli e lungo la Senna (le attuali ale Richelieu e Denon), su disegno dell'a rchitetto Pierre Lescot.

A fine '500 Enrico IV fece unire il Palazzo del Louvre con il Palazzo delle Tuileries, realizzando quindi la Grande Galerie, lunga 400 metri, allora il più lungo edificio del mondo (oggi espone la pittura italiana).

A metà '600 Luigi XIV trasferì la sede reale a Versaillles, lasciando il vecchio louvre all' aspetto attuale, ovvero gli edifici intorno alla corte quadrata (Cour carrè) su progetti di Le Mercier e Le Vau, e che oggi ospitano l' ala Sully del museo.

Luigi XV iniziò la trasformazione del palazzo in museo, e arricchite dopo la rivoluzione francese con le opere confiscate alla Chiesa, dagli aristocratici esiliati, provenienti sopratutto dall' Italia, e successivamente dalle conquiste e prelievi forzosi di Napoleone, sotto la direzione di Vivant Denon (che dà il nome ad un' ala del museo).

Per il bicentenario della rivoluzione, 1989, il presidente della Repubblica Francois Mitterand avviò un progetto di ammodernamento del museo, il Grand Louvre, con la realizzazione della piramide di vetro ad opera dell' architetto Ming Pei, che copre la grande hall che funge da punto di snodo tra le tre ali del museo, e la più recente galleria commerciale du Carrousel.

 

il palazzo delle Tuileries..

Un cenno a parte va fatto per il palazzo delle Tuileries, oggi scomparso.

Louvre TuileriesEra stato fatto costruire a metà '500 da Caterina de' Medici, vedova del Re Enrico II, sul luogo dove sorgeva una fabbrica di tegole, tuiles, da cui ha origine il nome.

I giardini vennero iniziati da un architetto fiorentino, poi rivisti da Le Notre, e divennero successivamente un luogo di passeggio alla moda per i parigini.

Qui risiedeva Luigi XIV mentre Versailles era in costruzione.
Successivamente Luigi XVI fu costretto a rientrarci durante la rivoluzione, per fare la fine che poi ha fatto, poco più avanti, nell' attuale place de la Concorde.

Il palazzo originariamente era isolato (il più ad ovest sulla mappa), poi ad inizio '800 venne ampliato fino ad unirsi con le ali laterali del Louvre, per opera di Napoleone Bonaparte, che qui aveva la sua residenza.

Per tutto il secolo il palazzo è stato la residenza dei vari imperatori o reali che si sono succeduti, e fu oggetto di attacchi durante le rivoluzioni del '30 e del '48, ma non resse a quello del 1871 quando in 48 ore un incendio lo ridusse a solo scheletro, salvando miracolosamente il museo.
Una decina d' anni dopo ne venne decisa la demolizione, osteggiata da tanti tra i quali Haussmann, che da parte sua stava terminando le opere di stravolgimento totale del tessuto edilizio medievale che ancora non aveva reso Parigi una città moderna.

Lo stile era neoclassico, detto anche stile impero.
A me non piace, ma a quel tempo e fino a quasi la fine del secolo in architettura c' era poco di nuovo, quindi si riciclavano gli stili del passato, inserendo colonnati e capitelli classici, arricchendo secondo le disponibilità con oro, stucchi, tappezzerie, mischiando il tutto con ricca opulenza.

Come pertinenza del palazzo era stata realizzata anche l' orangeto/limonaia, un edificio ovviamente stretto e lungo, con ampie finestrature, collocato all' interno dei giardini, lungo la sponda della Senna.
Oggi il palazzo ospita il museo de l' Orangerie, una "costola" del muse d' Orsay, che espone anche le ninfèe di Monet.

Approfondimenti: Palazzo-del-Louvre, Museo-del-Louvre, Palazzo-delle-Tuileries, Giardino-delle-Tuileries

 

Durante il percorso, soffermati ogni tanto a vedere, dai grandi finestroni dei corridoi, la vista sulla piazza della piramide.
Infoparigi 2010 324

Se senti che è arrivato il momento di rifocillare anche il corpo (oltre che la mente) hai a disposizione un buon punto ristoro al 1° livello dell' ala Richelieu, oppure puoi gustarti un caffè seduto ai tavolini del cafè Marly (vedi foto), mentre osservi la gente che passa.
Infoparigi 2010 333

Oppure puoi dedicarti ad uno dei ristoranti o cafè della galerie du Carrousel.

 

 

{slider=opere non più esposte o trasferite}

Quelle esposte sono solo una parte di tutte quelle in possesso del museo.

Altre sono custodite nei depositi o in giro per il mondo in prestito per mostre temporanee.
Attualmente, tra le tante, non sono esposte:

Corona di Luigi XV, datata 1722.
In argento dorato è ornata con i diamanti, perle, rubini, smeraldi e zaffiri, e ha avuto in passato incastonato il diamante Reggente.
E' l' unica corona sopravvissuta alla rivoluzione francese, anche se durante la Repubblica francese del 1885 le pietre vennero vendute e sostituite da vetro.
Louvre Corona Luigi Xv
wikipedia

Attualmente è esposta a Versailles.

La Maestà di Cimabue, tempera e oro su tavola (276x424 cm) , datata attorno al 1280. E' disegnata in assonometria e non in prospettiva.
Venne dipinta per l' altare maggiore della chiesa si dan francesco a Pisa Venne acquistata ad inizio '800 dai francesi dato che era stata spostata dal '500 in un punto meno importante della chiesa. wikipedia
Louvre Maesta Cimabue

Donna allo specchio
, di Tiziano, datata 1512.
Si pensava fosse l' amante di Tiziano, ma forse si tratta semplicemente di una posatrice. Il quadro è vagamente erotico, in quanto all' epoca i capelli sciolti si portavano soltanto nell' intimità domestica.
Louvre Donna Allo Specchio
wikipedia

Incoronazione di Napoleone I di Jacques Louis David, un grande olio su tela largo quasi 10 metri, datato 1805.
La cerimonia avvenne nella chiesa di Notre Dame. La scena ritrae Napoleone che dopo essersi autoincoronato consacra la sua sposa. Manca il pontefice Pio VII perché rifiutò di partecipare.
Da notare la ricchezza di dettagli  degli abiti e accessori, che piacque anche all' imperatore che, in visita all' atelier, pare esclamò "che verità! Questo non è un dipinto, ci si cammina dentro!".
Incoronazione di Napoleone I di Jacques Louis David
wikipedia

Autoritratto, di Rembrandt, olio su tela di 111x85cm, datato 1660.
Uno dei tanti autoritratti del pittore olandese.
Autoritratto, di Rembrandt

La serratura (Le verrou) di Jean-Honorè Fragonard, olio su tela 74x94cm, datato 1777 circa.
E' evidente l' ardore dell' amante che sta chiudendo la serratura per garantirsi la sicurezza, mentre la donna cerca senza riuscirci di impedirlo e di allontanare da se la sua bocca. La mela sul comodino allude al peccato originale.
La serratura

Concerto campestre, olio su tela (118x138 cm), di Tiziano (forse inizato dal Giorgione), datato 1508. wikipedia
Il naturismo e la cultura umanistica veneziana di fine '400, in questa allegoria della poesia e della musica mondana e celeste.
Oltre 400 anni dopo questo dipinto ispirò Monet per il suo Le déjeuner sur l'herbe. wikipedia
Nella sala 12 trovi la statua di Ramses II, datatata 1200 a.C. circa.
Louvre statua di Ramses II

La Madonna del Cancelliere Rolin di Jan van Eyck, un dipinto olio su tavola di 66x62 cm, databile 1435. Sala 5.
Colpisce la ricchezza di dettagli dei personaggi e dell' ambientazione in un quadro così piccolo.
Madonna del Cancelliere Rolin di Jan van Eyck
wikipedia

{/slider}

 

 

link e approfondimenti...

29/11/2009